Pubblicato il

Gli Insorgenti del Basso Po

E’ uscito il romanzo storico di Alberto Ferretti, tratto da una storia vera e ambientato nel 1799 all’epoca dell’occupazione napoleonica.
Francesi e giacobini si scontrano contro le popolazioni che non intendono abbandonare le loro tradizioni e i loro usi e costumi e religione per abbracciare quella rivoluzione che a parole è portatrice di libertà e uguaglianza ma che invece, nella realtà, semina terrore, morte e distruzione.
Il libro è acquistabile anche su questo sito a questo link: Gli Insorgenti del Basso Po

Pubblicato il

Il piccolo mondo di Madre Diletta (terza parte)

Terza ed ultima parte (per ora)
A.F.

La monaca cercò di divincolarsi ma fu inutile. Il tenente italiano cercò di intervenire, protestando e cercando di aiutarla, ma il soldato francese più giovane si parò davanti a lui intimandogli di restare a presidiare il crocevia. Giunti al vecchio rudere il francese intimò a Madre Diletta di spogliarsi per perquisirla, e al suo fermo rifiuto le sferrò un violento schiaffone che la fece barcollare. A quel punto ella capì che le cose si stavano mettendo molto male e iniziò a chiamare aiuto nella speranza che qualcuno nei paraggi la sentisse. Per tutta risposta il francese le diede allora un pugno in pieno volto, la monaca a quel punto cadde a terra sanguinando dal naso e da un labbro. Il soldato le si buttò addosso e iniziò a sollevarle le vesti, cercando di denudarla, era molto più forte di lei e ci stava riuscendo, non riusciva a fermarlo, allora raccolse tutte le sue forze e colpì il francese con una ginocchiata nelle parti basse, questi mollò un attimo la presa imprecando per il dolore. La Badessa annaspando per sottrarsi da sotto il corpo del soldato, prese contro ad uno dei mattoni del muro, che era quasi completamente crollato, e che si trovavano al suolo. Lo raccolse e lo sbatté con forza sulla testa al soldato. Il vecchio mattone si ruppe in due, e il francese iniziò ad urlare e a tenersi la testa rotta con entrambe le mani. Il soldato giovane allora irruppe all’interno del rudere e vide quello che stava succedendo, puntò il proprio fucile sulla monaca che piangendo che si proteggeva il viso con le braccia… lo sparo fu assordante. Suor Diletta pensò di essere morta, ma invece fu il soldato francese a cadere fulminato da un proiettile alla testa. L’ufficiale della Guardia Nazionale, ritta in piedi sull’antro della porta sgangherata, teneva ancora la pistola fumante in pugno. «E’ questa quindi la vostra rivoluzione, branco di cialtroni?» gridò l’italiano entrando nel casolare «Perfida razza di depravati, e io che credevo nei grandi valori del progresso, della libertà e dell’uguaglianza…» continuò parlando a sé stesso, sconsolato. Il soldato francese al suolo intanto si stava riprendendo e fece per estrarre la pistola dalla cintura, ma l’italiano estrasse la sua spada rapidamente e con una stoccata fulminea lo trafisse alla base del collo. «Sporchi pezzenti, mangiarane e ubriaconi!» lo apostrofò l’italiano «Ma adesso ve l’insegna il conte Bevilacqua l’educazione, altroché Egalité e Fraternité!» continuò ad inveire pulendo la lama insanguinata sulla giubba del soldato morto. «Questa divisa adesso mi fa orrore» aggiunse spogliandosi della giacca verde e gettandola in un angolo tra la polvere. Poi si avvicinò a Diletta, ancora al suolo, scossa e dolorante per le percosse ricevute e che stava cercando di rivestirsi. Le porse la mano dicendole «Venite Reverenda Madre, ho molte cose da farmi perdonare, ma oggi ho capito il grande inganno nel quale ero caduto. Perdonatemi se potete!». «E come potrei non perdonarvi signor conte, mi avete salvata la vita!» rispose lei aggrappandosi al suo braccio e sollevandosi da terra. «Ma ora cosa facciamo? Saremo ricercati per omicidio, nessuno crederà alla nostra innocenza! Dobbiamo andare subito al monastero e prepararci al peggio!». «Reverenda Madre» le rispose il conte Bevilacqua, «Ero stato incaricato dal Direttorio di pattugliare questa zona perché è infestata di briganti, o meglio di Insorgenti, come li chiama il popolo, e mi avevano affibbiato quei due ubriaconi come truppa. Ma visto come stanno realmente le cose… e vi dico con tutta franchezza che fatti come quello accaduto oggi ne ho già sentiti raccontare altri, veramente troppi altri, per i miei gusti, io con la rivoluzione, i giacobini e tutte le altre corbellerie che ci raccontano, da oggi ho definitivamente chiuso!». Il conte raccolse quindi le armi dei soldati morti e le avvolse nella sua giacca, poi, insieme alla Badessa, si avviarono verso il calesse. Nascose le armi sotto la panca e sedette a fianco della monaca prendendo le redini della cavalla ed avviandosi verso il Monastero del Poggetto. «Andiamo, presto, voi dovete avvisare le vostre consorelle di quello che è successo, e mettervi in salvo, e io devo cercare gli Insorgenti, ma questa volta per unirmi a loro nella lotta contro i francesi!». Suor Diletta si sentì sollevata, la Madonna, Maria Immacolata, le aveva mandato la salvezza. Si fece il segno della croce pregando e ringraziandola. Ma adesso doveva essere forte e degna di essere la Badessa del monastero, avrebbe mandato le consorelle presso la curia, dove il Vescovo avrebbe trovato loro una nuova sistemazione, e poi anche lei, visto che gli ordini monastici erano ormai stati soppressi per legge, avrebbe raggiunto gli Insorgenti per aiutarli nella loro buona battaglia. Sicuramente avrebbero avuto bisogno di cure e anche di conforto spirituale. Una nuova pagina si apriva davanti a lei, aveva capito che poteva fare molto per contrastare il male che aveva colpito il Dipartimento del Basso Po. Il suo piccolo mondo all’interno del monastero era ormai un capitolo chiuso della sua vita, adesso il mondo era diventato molto vasto e altrettanto pericoloso, così pieno d’insidie e di sacrifici, ma pensò che ne valeva la pena!

Acquista su questo sito il romanzo storico “Gli Insorgenti del Basso Po” di Alberto Ferretti
ecco il link diretto:

Gli INSORGENTI del Basso Po

Pubblicato il

IL PICCOLO MONDO DI MADRE DILETTA (Prima parte)

Carissimi amici e cari visitatori del mio blog, insieme agli amici di WorbasStudio ed ai primi lettori del romanzo “GLI INSORGENTI DEL BASSO PO”, abbiamo pensato di pubblicare un Prequel a puntate che ci aiuterà calarci meglio nel triennio giacobino 1796-1799, l’epoca in cui accaddero le vicende (vi ricordiamo che il romanzo è tratto da una storia realmente accaduta) di cui si narra nel libro.
Buona lettura, e se vi piace lasciate un vostro commento, grazie!
A.F.

IL PICCOLO MONDO DI MADRE DILETTA
(Prima Parte)

“Nessuno in monastero seguiti il proprio volere. Né ardisca veruno di venire a proterva contesa coll’Abbate, o dentro o fuori del monastero. Che se l’abbia fatto, sia sottoposto alla pena della Regola. Esso Abbate però faccia tutto con timore di Dio e osservanza della Regola; sapendo ch’egli fuor di dubbio dovrà rendere conto a Dio, giudice di tutti i suoi giudizi”.
(San Benedetto da Norcia)

Un falco volava alto nel cielo azzurro, si librava nell’aria sfruttando la calda spinta delle correnti ascensionali.
Con le ali spiegate disegnava larghi centri concentrici, timonando con le lunghe penne della coda, e ad ogni giro saliva sempre più in alto, sempre di più, verso il sole caldo e lucente. Una pace assoluta, quasi irreale, aleggiava sulle verdi campagne assolate e pianeggianti che si estendevano a perdita d’occhio davanti alla finestra alla quale era affacciata Madre Diletta. Niente e nessuno pareva turbare la quiete del piccolo eremo del quale era la Badessa, ciò non ostante in cuor suo non era affatto tranquilla. Alla mattina, come ogni lunedì, si era recata al mercato di Ferrara – di buon’ora, come suo solito – a vendere le pregiate cuffie ricamate e gli altri corredi lavorati a maglia dalle sue consorelle, e ad acquistare qualcosa per la dispensa del monastero. Ma quello che aveva sentito raccontare in città l’aveva turbata profondamente. Le avevano raccontato che un grosso contingente dell’esercito francese, partito da Milano, quartier generale di Napoleone in Italia, aveva occupato la città di Mantova e si stava dirigendo verso il fiume Po. Aveva sentito parlare di numerose violenze ed uccisioni, di tassazioni al limite del sopportabile ed altre vessazioni nei confronti della popolazione e del clero. Ma quanto c’era di vero in tutto quello che aveva sentito raccontare? Questo non poteva saperlo, e in cuor suo sperava di non conoscere mai la verità «Non è detto che vengano a proprio a Ferrara», pensava «Magari si accontentano di rimanere a nord del grande fiume…» ma il suo sesto senso le diceva che qualcosa di brutto, di molto brutto stava per succedere. Allontanò quei pensieri negativi e si recò presso la cappella a pregare, per sé e per le sue consorelle, delle quali era responsabile. Pregò per le vittime della guerra e affinché il dolore e le violenze, che aveva già colpito tanti innocenti in modo così brutale, e che si stava avvicinando al suo piccolo mondo che era così semplice e ameno, restasse chiuso fuori dal portone del suo convento. Rimase in preghiera a lungo… La regola Benedettina, seguita dalle monache del convento della Beata Vergine del Poggetto, era la più rigida di tutti gli altri ordini monacali, fin dai tempi di Santa Scolastica, la fondatrice dell’Ordine.
L’ora nona era già scoccata, pertanto le monache iniziarono a dedicarsi ai lavori manuali quotidiani: chi si recò nell’orto, chi in mensa, chi in sala ricamo, chi nel giardino del Chiostro. I lavori quotidiani sarebbero continuati fino ai Vespri, le preghiere del tramonto.
Madre Diletta era indecisa se raccontare alle consorelle quanto aveva appreso in città, ma poi decise di non turbare la quiete dell’eremo per quelle che potevano essere solo dicerie, per quanto molto verosimili. Si ripromise però di approfondire la cosa quanto prima.
Era il maggio del 1796 e l’Armee d’Italie, guidata dal giovane Generale Napoleone Bonaparte era avanzata rapidamente nel territorio italiano. Dopo aver sconfitto i piemontesi a Mondovì e l’esercito austriaco a Milano, i francesi marciarono a tappe forzate su Bologna, dove entrarono il 18 giugno. Il 23 giugno fu la volta di Ferrara, dove nel frattempo si era già propagata la voce dell’arrivo imminente degli invasori con le loro repressioni e requisizioni. La municipalità cittadina, dopo aver ponderato il da farsi, decise infine di accogliere l’armata francese aprendo le porte della città, onde evitare spargimenti di sangue e ritorsioni sulla popolazione. Questo atteggiamento benevolo, però, non salvò né i governanti, né tantomeno gli abitanti della città estense, dal pagare un ingentissimo tributo alle truppe napoleoniche. Gli invasori avevano infatti la necessità impellente di sfamare le truppe e procurare sempre nuove armi e munizionamenti per continuare la Campagna d’Italia. Intanto, a Bologna, Napoleone riesce a strappare un armistizio allo Stato della Chiesa: Bologna e Ferrara diverranno possedimenti francesi, mentre Ravenna resterà al Papa. A Ferrara, inizialmente, gran parte della nobiltà agraria e dell’alta borghesia vedeva di buon occhio le nuove idee portate dalla rivoluzione francese, anche perché molto ben pubblicizzate nei circoli intellettuali attraverso la propaganda sulla stampa e gli altri mezzi di divulgazione utilizzati dalle logge massoniche. In seguito, però, di fronte alla brutale realtà che superava di gran lunga ogni proclama e buona intenzione, alcuni tra i più fervidi giacobini iniziarono a ricredersi. Tra le prime imposizioni impartite dal Direttorio Provvisorio Dipartimentale, fu stabilita la decadenza dei titoli nobiliari e la soppressione di ogni ordine religioso. I monasteri dovevano essere requisiti e destinati a caserme o stalle per i soldati e i cavalli dei reggimenti francesi. I beni ivi contenuti, ori, argenti, reliquie, dipinti, statue ed altre opere d’arte, furono confiscati e inviati a Parigi, dove, dopo essere stati messi in vendita, con i guadagni si finanziavano le campagne di guerra francesi ormai estese per mezza Europa. La Rivoluzione doveva essere propagata per tutto il vecchio continente.